Bassai Dai

Okinawa Club Karate

Karate Shotokan e difesa personale. Direzione tecnica: M° Bruno Russo Palombi

Karate Shotokan

Corsi per bambini adulti e ragazzi

Difesa Personale

Metodo di difesa SSD creato e perfezionato dal M° Bruno Russo Palombi

TACFIT

Il rivoluzionario metodo di allenamento sviluppato da Scott Sonnon e Andrea Gallazzi

Prev Next

Letteralmente ‘penetrare la fortezza’, o meglio ‘estrarre/parare’. Le varianti di questa kata sono innumerevoli, e ciò testimonia l’ampia diffusione e l’interesse che questo kata ha sempre suscitato nei vari maestri e nelle varie epoche. La forma più antica della versione shuri-te sembra essere quella conservata nel Matsumura Seito, e la maggior parte dei Bassai oggi praticati sembrerebbe derivare da questo kata. Tuttavia, vi sono altre forme di Bassai che potrebbero dipendere direttamente da Matsumura come il Tawada Bassai (più noto come Matsumura-Bassai: Tawada era un allievo di Matsumura, e fu proprio questa forma che Choshin Chibana, uno dei maggiori esperti del kata Bassai, dimostrò per la prima volta in fotografia nel libro Karate-Do Taikan di Genwa Nakasone, pubblicato nel 1938). È assai difficile districarsi tra le varianti di Bassai e stabilire delle relazioni tra di loro: il Bassai Sho del Matsumura Seito presenta dei movimenti a mano aperta che richiamano il Tomari Bassai, la variante che Chutoku Kyan avrebbe imparato dal maestro Oyodomari, che in effetti presenta un numero di tecniche molto simile al Matsumura Bassai, ma eseguite a mano aperta. La differenza tra il Matsumura e il Tomari Bassai ed il Bassai-dai di Itosu (e quindi dei suoi allievi) sta negli attacchi: in effetti, nell’Itosu Bassai-dai, la maggior parte degli attacchi è stata sostituita da tecniche di parata, soprattutto nella fase iniziale del kata. Tutti i Bassai, comunque, presentano delle tecniche uguali, come l’assalto iniziale con ‘parata rinforzata’, in cui si salta, o ci si slancia, e si penetra scivolando con determinazione verso l’avversario. Tutti i Bassai prevedono, per il primo movimento, una posizione a gambe incrociate, con la gamba sinistra posta dietro la destra. Nel Matsumura Seito, invece, il piede sinistro continua la sua corsa in avanti e, appena superato il destro, ruota verso l’esterno la punta della dita. L’Itosu Bassaisho, invece, sarebbe una creazione di questo grande Maestro.