Enpi

Okinawa Club Karate

Karate Shotokan e difesa personale. Direzione tecnica: M° Bruno Russo Palombi

Karate Shotokan

Corsi per bambini adulti e ragazzi

Difesa Personale

Metodo di difesa SSD creato e perfezionato dal M° Bruno Russo Palombi

TACFIT

Il rivoluzionario metodo di allenamento sviluppato da Scott Sonnon e Andrea Gallazzi

Prev Next

Wanshu è un nome proprio, quello di un militare cinese sbarcato ad Okinawa nel 1683. Questi avrebbe insegnato la sua arte marziale nei dintorni di Tomari, ed in effetti questo kata rimase confinato in quest’area almeno fino al 1871 (così Choki Motobu) epoca in cui Itosu l’avrebbe imparato dal suo amico Matsumora, maestro di Tomari-te, ed inglobato nel suo sistema (seppure non come uno dei kata principali). Wanshu, come Kusanku, è uno dei kata che conosce più varianti all’interno del gruppo degli stili Shorin. La versione Itosu, infatti, trasmessa da Funakoshi (che rinominò il kata Enpi, ossia ‘volo di rondine’) e da Mabuni, è profondamente diversa da quella trasmessa dalla linea Kyan, il quale apprese il kata Wanshu dal maestro di Tomari-te Maeda Chiku. Il Matsubayashi-ryu di S. Nagamine, a sua volta, trasmette una versione di questo kata ancora differente, molto più simile alla linea Itosu, ma con alcune caratteristiche peculiari, come il kakushi-zuki o ‘pugno nascosto’. Tutti i Wanshu, tuttavia, presentano delle posizioni comuni, forse unico ricordo del kata originario prima delle varie divisioni stilistiche: le parate in uchi/soto-uke con gyakutsuki (a mani aperte o chiuse e in posizione di gambe incrociate o lineare) ed una proiezione molto simile al kata-guruma.